Blog

Home / Agevolazioni e contributi pubblici  / Accordi per l’innovazione: come finanziare grandi progetti di Ricerca e Sviluppo

Con il recente bando “Accordi per l’innovazione” il Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto un nuovo importante strumento su base nazionale finalizzato a sostenere progetti di ricerca di base, ricerca industriale e sviluppo sperimentale di importo compreso fra 5 e 40 milioni di euro. La dotazione complessiva disponibile è di oltre 200 milioni di euro.

Le agevolazioni consistono in:

  • un contributo diretto alla spesa per una percentuale minima pari al 20 per cento dei costi e delle spese ammissibili;
  • un finanziamento agevolato nel limite del 20 per cento dei costi e delle spese ammissibili.

I progetti devono riguardare attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo di una o più delle tecnologie identificate dal Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione 2014 – 2020 “Horizon 2020”, quali:

  • Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)
  • Nanotecnologie
  • Materiali avanzati
  • Biotecnologie
  • Fabbricazione e trasformazione avanzate
  • Spazio
  • Tecnologie volte a realizzare gli obiettivi della priorità “Sfide per la società”

Le iniziative presentate devono avere una durata non superiore a 36 mesi ed essere avviate successivamente alla presentazione della proposta progettuale al Ministero dello Sviluppo Economico. Possono presentare domanda le imprese di qualsiasi dimensione, con almeno due bilanci approvati, ed è possibile partecipare in forma aggregata mediante un partenariato composto da non più di 5 soggetti tra aziende ed enti di ricerca.

La procedura di valutazione ha carattere negoziale e coinvolge il Ministero dello Sviluppo Economico, le Regioni interessate ed i soggetti proponenti.

No Comments
Post a Comment