Blog

Home / Agevolazioni e contributi pubblici  / Horizon Europe: importanti novità per le aziende nella prossima programmazione comunitaria

Gli strumenti comunitari a sostegno della piccola e media impresa hanno ottenuto un notevole successo dal 2014 (anno di avvio della programmazione corrente) a oggi: in particolare, oltre 55 mila aziende europee hanno presentato domanda sullo Strumento PMI (SME Instrument), che ha erogato circa 1,5 miliardi di euro ripartiti su 3.800 progetti. Le imprese italiane hanno svolto un ruolo importante, acquisendo circa il 10% dei finanziamenti complessivamente disponibili.

Per il prossimo periodo della programmazione comunitaria (2021-2027) si prevedono novità sostanziali a supporto dell’innovazione aziendale: sotto il coordinamento di un nuovo organismo (European Innovation Council) verranno infatti introdotti programmi innovativi quali l’EIC Accelerator (che erogherà un mix di contributi a fondo perduto e interventi in equity) e lo strumento Pathfinder per sostenere progetti di ricerca ambiziosi e la loro realizzazione attraverso startup innovative.

La Commissione Europea sta poi progettando un veicolo attraverso il quale acquisire direttamente partecipazioni all’interno delle realtà ritenute più interessanti, sottoscrivendo fino ad un massimo del 25% del capitale. Si tratta di uno strumento potenzialmente destinato a rivoluzionare le modalità attraverso le quali l’Europa finanzia l’innovazione aziendale, ed interesserà con ogni probabilità anche lo strumento PMI.

Questi nuovi strumenti verranno testati già a partire dal 2019, mediante uno specifico programma pilota che accompagnerà la fase finale dell’attuale programma di ricerca e innovazione (Horizon2020).

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.