Blog

Home / Innovazione  / Intelligenza artificiale: Bruxelles stanzia 1,5 miliardi di contributi all’interno di Horizon 2020

La Commissione Europea ha presentato una serie di misure per promuovere la Ricerca e Sviluppo nel campo dell’intelligenza artificiale, allo scopo di supportare gli investimenti del settore pubblico e privato stimolando il processo di transizione attualmente in corso e la sua sostenibilità per le società europee.

Studi di livello internazionale sono concordi nel mostrare che almeno la metà dei posti di lavoro ad oggi esistenti subirà un processo di profonda trasformazione a seguito dell’avvento dell’intelligenza artificiale. In particolare, secondo uno studio dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), il 14% dei posti di lavoro nei 32 Paesi membri ha il 70% di probabilità di venire automatizzato. Per un altro 32% dei posti di lavoro, la probabilità oscilla tra il 50 e il 70%. Circa 210 milioni di posti di lavoro risultano quindi a rischio nei soli Paesi OCSE.

Per far fronte a tale scenario, la Commissione Europea stima di dover investire almeno 20 miliardi di euro nel campo dell’Artificial Intelligence da qui al 2020. In quest’ottica, l’esecutivo comunitario ha deciso di aumentare di 1,5 miliardi di euro il contributo alla R&D nel quadro del programma Horizon 2020, con l’obiettivo di stimolare ulteriori investimenti per 2,5 miliardi di euro. Allo stesso tempo il Fondo europeo per gli investimenti strategici (Fondo Juncker) si concentrerà a propria volta sull’intelligenza artificiale con l’obiettivo di promuovere investimenti fino a 500 milioni di euro.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.